Christine Bryden - vive con una diagnosi di demenza a esordio precoce

La demenza ad esordio precoce

La demenza è considerata a “esordio precoce” quando colpisce persone che hanno meno di 65 anni. La demenza è causata da una degenerazione dei tessuti cerebrali che può compromettere la capacità di pensare, comunicare, svolgere compiti quotidiani e ricordare. Anche la personalità, il comportamento e l’umore possono subire dei cambiamenti a causa del declino cognitivo….Continue reading La demenza ad esordio precoce

foto rugby e trauma cranico

Il collegamento tra traumi cranici e demenza

Le considerazioni riportate in questo articolo hanno il duplice scopo di offrire una panoramica generale della relazione tra disturbo neurocognitivo, demenza e traumi cranici e allo stesso tempo invitare testimonianze e punti di vista da parte di chi ha subito commozioni di lieve o modesta entità praticando sport di contatto, o a coloro che conoscono…Continue reading Il collegamento tra traumi cranici e demenza

Speciale Covid-19: Alzheimer Europe denuncia il rischio di discriminazione

Riceviamo e pubblichiamo il documento di posizione tradotto in italiano di Alzheimer Europe la federazione europea delle associazioni demenza nazionali, in cui si denuncia il rischio di discriminazione nell’accesso alle cure salvavita in caso di contagio da COVID-19 di milioni di persone con demenza in tutto il mondo. Sperando di fare cosa gradita, abbiamo aggiunto…Continue reading Speciale Covid-19: Alzheimer Europe denuncia il rischio di discriminazione

Cercasi persone con CADASIL

Il post di oggi è dedicato a una forma rara di demenza chiamata CADASIL. L’idea di questo articolo è nata da una precisa richiesta pervenutaci da Claudia, una signora che convive con questa malattia da quasi trentanni e che sta cercando di mettersi in contatto con altre persone che hanno ricevuto questa diagnosi. Se conoscete…Continue reading Cercasi persone con CADASIL